Editoria, New media

11 ottobre 2012 | 16:27

EDITORIA: PIU’ DOMANDA NEWS VERE MA STAMPA VINCE SU WEB

ASTRARICERCHE, CRESCONO INTERNAUTI E VOGLIONO NEWS UTILI

(di Claudio Scarinzi) (ANSA) – MILANO, 11 OTT – Notizie vere-verificate, facili da trovare e utili e concrete sono richieste rispettivamente dal 75,56 e dal 52% degli internauti che sono in continua e forte crescita. Soprattutto la prima richiesta vede però vincente la stampa tradizionale che, sconvolta dallo tsunami new-media, fra cui anche tablet e smart-phone, non viene travolta ma deve reinventarsi e puntare ancora di più sull’approfondimento. E’ quanto emerge, tra l’altro, da un’indagine di AstraRicerche. Lo studio, che ha fatto da introduzione al convegno ‘Il futuro del giornalismo-ping pong fra Carta e Rete’ all’ Università  Statale di Milano, è stato realizzato con 816 interviste on line a persone fra i 15 e i 55 anni che si collegano con internet ed è stato confrontato con un’indagine analoga del 2009. In tre anni, gli internettiani sono saliti del 25% a oltre 20 milioni e, dato altrettanto importante, l’84% si collega 3 o più volte alla settimana per avere le più svariate informazioni dall’attualità , alla politica fino alla cultura, all’economia e all’ambiente. Il 73% seguono le tv nazionali, la radio (55), le tv locali (44), i cellulari (44%), i quotidiani nazionali (32), quelli locali (28) e poi via via anche i tablet (20%) che prima non esistevano. ‘Mania’ dimostrata in diretta durante l’incontro dai tanti tweet scritti dagli studenti semplicemente per spiegare al mondo che era andata via la luce per una quindicina di minuti. La stampa risulta largamente vincente per la “vericidità  verificata” delle notizie, per la qualità  della scrittura, per la competenza, l’autorevolezza dei commenti, la serietà  e la precisione. Al tempo stesso quotidiani e periodici sono massimamente perdenti per chiarezza e comprensibilità , brevità  sintetica, facilità  di reperimento e aggiornamento continuo. La Tv, con la Radio, è all’ultimo posto per qualità  di testi, utilità , concretezza, serietà  e affidabilità . Internet, che perde appunto sulle notizie veritiere e verificate e anche sul rispetto della dignità  della persona, si colloca al primo posto per utilità  e concretezza, pluralità  di voci e tesi a confronto, assenza di censure oltre a velocità  di fruizione e continuo aggiornamento dovuti alla tecnologia. “E’ stato uno tsunami, il mondo dell’informazione, editori e giornalisti, tutti siamo arrivati in ritardo – ha sottolineato Giulio Anselmi, presidente della Fieg e dell’ANSA -. Il ritardo si sta recuperando con fatica, ma deve essere basato non solo sulla resistenza ma sul rilancio. La risposta è la qualità , l’approfondimento, il commento. In sintesi salvare l’identità  sapendo scegliere e mediare”. “La qualità  è importante, è facile parlarne ma poi gli editori riducono i costi con tutte le conseguenze”, ha detto Mario Giordano, direttore di Tgcom24. “Dai dati complessivi di tutta la popolazione – ha aggiunto – la Tv rimane centrale e la platea cresce. Attenti alle ubriacature. Certo ora si deve parlare di un sistema di news che ha cambiato anche il lavoro dei giornalisti”. “E’ chiaro che si tenta con difficoltà  di tenere in equilibrio giornale e sito – ha spiegato Barbara Stefanelli, vicedirettore del Corriere della Sera -. Ma per esempio l’investimento sul supplemento ‘La Lettura’, voluto da De Bortoli, ha aumentato la diffusione e il budget pubblicitario. Anche se gli investimenti maggiori vanno su internet, ci sono spazi per la stampa tradizionale”. (ANSA).