Gb/ Stereotipi sessisti dominano le prime pagine giornali

Il 78 % degli articoli in prima pagina firmato da uomini

Roma, 15 ott. (TMNews) – Stereotipi sessisti, immagini umilianti di donne e firme maschili dominano le prime pagine dei giornali britannici, secondo una ricerca condotta dall’associazione Women in Journalism.  I giornalisti uomini scrivono il 78% degli articoli sulle prime pagine dei quotidiani e uomini sono l’84% delle persone citate in questi articoli, secondo l’analisi di nove giornali nazionali condotta dal lunedì al sabato per quattro settimane. In questo periodo – riporta oggi il Guardian – le uniche donne presenti regolarmente sulla stampa sono state Kate, la moglie del principe William, sua sorella Pippa, e Maddie McCaine, la bimba inglese scomparsa in Portogallo. I tre uomini più fotografati, invece, Simon COwell, noto personaggio televisivo, Nicolas Sarkozy e il Principe William.  “Aumentare il numero di firme femminili e il modo in cui le donne vengono ritratte dai media è un passo cruciale se vogliamo avere una stampa socialmente responsabile”, ha spiegato Anna van Heeswijk, della commissione Leveson sui media nel commentare i risultati della ricerca.L’associazione ha stilato un elenco dal quale risulta che il quotidiano più “maschile” è l’Independent, con il 91% dei suoi articoli di prima scritti da uomini. Il più “femminile” è risultato l’Express, con il 50% di articoli firmati da giornaliste.Per quanto riguarda la cosiddetta stampa di qualità , l’encomio va al Financial Times, con il 34% di firme femminili. Gli autori maschili prevalgono sul Telegraph (89%), seguito dal Sun (86%) e dal Times (82%). Per il Guardian la percentuale di firme maschili in prima pagina è del 78%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari