Editoria

16 ottobre 2012 | 15:05

Editoria: “Il Quotidiano in classe” oltre 2 mln studenti iscritti

FIRENZE (MF-DJ)–Su una comunita’ che conta 2.668.000 studenti italiani, i giovani delle scuole secondarie e superiori iscritti all’edizione 2012/13 del “Quotidiano in classe”, promosso dall’Osservatorio Permanente Giovani-Editori, saranno ben 2.018.720.

E’ quanto ha affermato il presidente dell’Osservatorio, Andrea Ceccherini, durante la presentazione della tredicesima edizione del progetto, precisando che si tratta di “un guinness dei primati”, in termini di adesioni, “mai raggiunto nella storia della nostra organizzazione. Infatti, dai 97.032 iscritti del 2000/01 possiamo dire che il cammino dell’Osservatorio e’ in ascesa”.

Il progetto, che da 12 anni a questa parte ha sempre visto come soli protagonisti i giornali cartacei, vede ora pero’ “accanto allo ‘strumento carta’, un altro ancora piu’ adatto a privilegiare l’interazione: la rete”.

Infatti, spiega Ceccherini, a partire dal 29 ottobre, data di esordio del portale www.ilquotidianoinclasse.it, si vedra’ “scendere in campo un’edizione diversa” dalle precedenti, in cui i giovani avranno l’opportunita’ “di continuare online la discussione aperta in classe, confrontando la propria opinione con quella degli altri”.

L’iniziativa web, che integra il progetto cartaceo, “ha infatti l’ambizione di far proseguire il dibattito, creatosi a scuola, con 3 blogger” che ogni lunedi’ “lanceranno un tema di attualita’, invitando gli studenti a realizzare le proprie inchieste” sotto forma di articoli, foto o vignette, per raccontare la loro opinione sull’argomento.

“Ogni settimana”, continua il presidente dell’Osservatorio, “verranno poi premiati i pensieri piu’ originali, con abbonamenti digitali ai quotidiani partecipanti. Inoltre, ogni mese, sara’ possibile vincere un iPad. Infine ci sara’ anche un premio finale che vedra’ i vincitori “ospiti, per una settimana, alla sezione inchieste della redazione del Wall Street Journal di New York”.

Il progetto portato avanti dall’Osservatorio risponde ad una grande emergenza attuale, “dare al Paese un’educazione civica che tanto manca”.

(END) Dow Jones Newswires