New media

22 ottobre 2012 | 9:45

A SAN FRANCISCO LO SCOOTER ELETTRICO VA CON LO SMARTPHONE

INEDITO SISTEMA DI SCOOTER SHARING

(ANSA) – ROMA, 22 OTT – Debutta a San Francisco un inedito sistema Scoot Network per il noleggio di scooter elettrici gestiti con lo smartphone. Basta solo un iPhone o uno smartphone Android, secondo quanto quanto riferisce Wired, per trovare uno degli scooter di Scoot Network, sapere se è libero, avviarlo e pagare anche la tariffa di noleggio. L’idea scooter-sharing è della start-up Scoot Networks che offre a noleggio gli Scoot, piccoli e agili scooter prodotti in Cina, elettrici al 100%, silenziosi, non inquinanti, da gestire con il proprio smartphone. Niente spese di acquisto, carburante, tassa di proprietà , assicurazione, tagliandi e altro ancora. La Scoot Networks ha cominciato con la diffusione di cinquanta Scoot nei punti nevralgici di San Francisco, tutti rossi, pronti ad essere noleggiati e usati per la città  con il proprio smartphone. Per partecipare allo sharing Scoot Networks si pagano 10 dollari di iscrizione, 5 dollari al mese per mantenerla attiva, un canone di 5 dollari l’ora o un abbonamento di 10 dollari al giorno per l’utilizzo. Con 19 dollari è possibile fare l’abbonamento mensile con due possibilità  di utilizzo. Un giornaliero dalle 8 alle 18, oppure il notturno dalle 17 alle 10 del giorno dopo. La procedura è quanto mai semplice. Basta scaricare da Internet l’applicazione App Scoot Network, cercare lo scooter più vicino e inserire con un gesto elementare il proprio smartphone nel dock universale installato a centro manubrio, al posto della strumentazione. In un attimo, e in totale automatismo, l’App indica se il veicolo è disponibile per il noleggio e se sono in regola iscrizione e canone. Soddisfatte rapidamente le procedure, appare sul display dello smartphone il codice di sblocco con cui avviare lo scooter e aprire la serratura del vano in cui è riposto il casco. Gli Scoot a noleggio si possono guidare senza patente, raggiungono la velocità  di 48 km/h, hanno un’autonomia media di 25 km e, a fine carica, richiedono da 6 a 8 ore per la ricarica. Per ora l’esperienza è circoscritta all’Area di San Francisco. E non ci sono programmi per la diffusione in Europa.(ANSA)