DIFFAMAZIONE: IN AULA SENATO MEZZA DESERTA AL VIA ESAME DDL

(ANSA) – ROMA, 24 OTT – In un’Aula del Senato praticamente deserta prende il via l’esame del ddl sulla diffamazione. E almeno per la mattinata non si prevedono votazioni. La polemica però è già  aspra. C’é chi dichiara, come Maria Elisabetta Alberti Casellati (Pdl) che è “auspicabile” l’approvazione di questo provvedimento nato per evitare il carcere all’allora direttore di ‘Libero’ Alessandro Sallusti. E c’é chi come Vincenzo Vita (Pd) chiede che si cambi perché se il testo resta così com’é, almeno lui, non lo voterà  mai. Alberto Maritati (Pd), invece, dice che non è in discussione la libertà  di stampa, ma solo l’ipotesi di “reati” che come tali vanno puniti. “Non c’é nessuna lesione”, secondo Maritati, neanche per quanto riguarda la parte della normativa che punta a disciplinare la ‘diffamazione’ sul web. Vannino Chiti, poi, uno di firmatari del ddl insieme a Maurizio Gasparri, sembra averci ripensato e ai suoi in Transatlantico propone di cambiare il testo almeno per quanto riguarda la pena pecuniaria che, secondo lui, “non dovrebbe superare i 50mila euro”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari