Consip/ I servizi cloud per la Pa sul Mercato elettronico

Accesso a risorse hardware e software distribuite con internet

Roma, 24 ott. (TMNews) – Le pubbliche amministrazioni potranno acquistare servizi di Cloud computing – ossia l’accesso a risorse hardware e software distribuite attraverso internet – attraverso il canale semplice, rapido e trasparente costituito dal Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA).È stata infatti pubblicata l’estensione del Bando ICT del MEPA, che consente alle imprese fornitrici di presentare sul mercato elettronico la propria offerta di servizi Cloud nella modalità  IAAS (Infrastracture As A Service).In tale modalità , le funzionalità  offerte – spiega la Consip in una nota – comprendono capacità  computazionale, servizi di storage, connettività  e altre componenti fondamentali con le quali l’amministrazione-cliente può installare e gestire sistemi operativi e applicazioniPer la PA si tratta di uno strumento innovativo ed efficace perché porta vantaggi e benefici su più fronti. I servizi offerti – fruibili da qualunque dispositivo, fisso e mobile – sono adattabili ad ambiti e scenari diversi, a seconda delle specifiche esigenze dell’amministrazione. L’offerta è, infatti costituita da una serie di servizi modulari fra i quali l’amministrazione sceglie quelli necessari a soddisfare i suoi bisogni.  Con il Cloud computing, inoltre, vengono semplificate notevolmente le modalità  di comunicazione e di condivisione delle informazioni all’interno dell’amministrazione e verso l’esterno.  Infine, i costi di implementazione del servizio, grazie al modello della sottoscrizione per i soli servizi richiesti (il cosiddetto pay per use), si riducono.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti