CRISI: 3 GIORNI DI SCIOPERO EL PAIS CONTRO 149 LICENZIAMENTI

GRANDI FIRME QUOTIDIANO “PREOCCUPATE” PER CASI CENSURA

(ANSA) – MADRID, 6 NOV – E’ cominciato oggi il primo di tre giorni di sciopero indetto dalla redazione de El Pais nella vertenza contro i 149 licenziamenti e prepensionamenti, pari a un terzo degli organici, annunciati dal gruppo Prisa nell’ambito di un piano di ristrutturazione. Ne da’ notizia il comitato di redazione in una nota, in cui si sottolinea che l’astensione dal lavoro e’ stata votata dal 92% dei giornalisti. Intanto, oltre venti fra le firme piu’ prestigiose del quotidiano, in un comunicato hanno espresso “preoccupazione per le vicende che sta vivendo El Pais” e hanno manifestato “inquitudine e malessere per i casi di censura denunciati dal comitato di redazione negli ultimi giorni”, collegati col piano di ristrutturazione che colpirebbe un terzo degli organici. Fra i firmatari, il premio Nobel Mario Vargas Llosa, Javier Marias, Almudena Grandes, Rosa Montero, Fernando Savater, David Trueva, Antonio Munoz Molina, Elvira Lindo, Jorge Edward. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari