CRISI: AGCOM, SI AMPLIA SPREAD DIGITALE ITALIA MEDIA UE

(ANSA) – ROMA, 7 NOV – Lo spread digitale dell’Italia rispetto ai partner comunitari si fa sempre più ampio. Ad evidenziarlo è il presidente dell’Autorità  delle comunicazioni Angelo Marcello Cardani, in audizione alla Commissione Industria del Senato. Sul piano dell’ e-governement, “la percentuale di popolazione che ha dialogato almeno una volta on line con la pubblica amministrazione negli ultimi 12 mesi – ha detto Cardani – in Italia è pari al 22% contro una media Ue del 41%, con 11 paesi che hanno già  superato la soglia obiettivo stabilita da Bruxelles per il 2020”. Per quanto riguarda l’e-commerce, ha detto ancora il presidente Agcom, “l’Italia è terz’ultima con una quota del 15% di popolazione, a fronte del 42,7% di media Ue, con 9 paesi oltre la soglia-obiettivo”. Il presidente dell’Agcom ha inoltre evidenziato che tali canali potrebbero essere maggiormente sfruttati dalle piccole e medie imprese.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G