EDITORIA: DEBUTTA SUL WEB “THE POST INTERNAZIONALE”

(AGI) – Roma, 8 nov. – Una redazione di under trenta, inchieste, reportage, foto e video per raccontare fatti e storie da tutto il mondo. Arriva sul web The Post Internazionale, giornale on line di approfondimento politico di Giulio Gambino. Testimonial per il debutto Eugenio Scalfari e Lucio Caracciolo intervenuti alla presentazione della testata ieri sera a Roma. “Il giornale – spiega Giulio Gambino, 25 anni, fondatore e direttore – nasce da un gruppo di amici che hanno un progetto in cui credono molto, quello di raccontare i fatti in maniera schietta e diretta. Si tratta di un obiettivo ambizioso, e tutti ce lo fanno notare – osserva ancora – ma noi vogliamo fare un giornale completo e innovativo che racconti il mondo in modo chiaro e sintetico e questo va oltre una semplice esperienza”. The Post Internazionale si avvale della partnership di ‘Limes’, la rivista italiana di geopolitica diretta da Lucio Caracciolo. “C’e’ il gusto per la precisione , una virtu’ rara oggi e l’obiettivo di raccontare le cose trascurate dai media, puo’ voler dire fare archeologia del presente ma anche fare emergere la realta’ – osserva il direttore di Limes, ricordando come “la primavera araba letta dai media attraverso le manifestazioni di una piazza nascondesse i segni di un autunno che la concentrazione mediatica aveva nascosto”. Sostegno all’impresa da Eugenio Scalfari che ha ricordato come nel 1955 avesse fondato L’Espresso con Antonio Gambino, nonno del giovane direttore di The Post Internazionale,e ha offerto una lezione di giornalismo ai giovani ‘barbari’ redattori e lettori del giornale. (AGI) red/Mld

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari