Editoria

08 novembre 2012 | 15:50

GIORNALISTI: OK SENATO A EQUO COMPENSO, TORNA A MONTECITORIO

GIULIANO (PDL),IMPORTANTI NOVITA’.CARRA (UDC),SUBITO VOTO CAMERA

(ANSA) – ROMA, 7 NOV – Via libera del Senato al provvedimento sull’equo compenso per i giornalisti precari: il testo è stato approvato dalla commissione Lavoro di Palazzo Madama in sede deliberante con alcune modifiche e quindi torna alla Camera. “Esprimo apprezzamento per l’approvazione, pressoché unanime, del disegno di legge riguardante il lavoro giornalistico”, commente il presidente della commissione, Pasquale Giuliano (Pdl). “A tal proposito ringrazio la commissione Lavoro ed i suoi componenti per l’impegno profuso, al fine di approvare un provvedimento importante per la categoria. Il via libera da parte del Senato – segnala Giuliano – a questo ddl porterà  due importanti novità : da un lato l’obbligo di garantire ai free lance un equo compenso modulato sui trattamenti previsti per analoghe attività , così come dispone il contratto nazionale di lavoro. Infatti da una recente indagine conoscitiva, svolta proprio al Senato, era emersa una situazione di diffusa e grave violazione ai danni dei free lance dell’applicazione della legislazione in materia di lavoro. Dall’altro lato sarà  istituita una commissione alla quale parteciperanno i rappresentanti dei sindacati, degli editori, dell’Ordine dei giornalisti, dell’Inpgi, del sindacato dei giornalisti e del governo. Alla commissione spetterà  il compito di valutare le prassi retributive in atto nei gruppi editoriali, prevedendo che, in caso di mancata applicazione, le imprese non abbiano accesso al contributo all’editoria oppure lo perdano”. Plaude Enzo Carra (Udc), relatore della legge a Montecitorio: “Evviva l’equo compenso. Ce l’abbiamo fatta anche al Senato. Ora la legge torna alla Camera. Votiamola subito”, scrive su Twitter. (ANSA).