Wind: -2,1% ricavi 9 mesi, pesa taglio tariffe terminazione

ROMA (MF-DJ)–Wind archivia i primi nove mesi del 2012 con ricavi ed Ebitda in calo, a causa del taglio delle tariffe di terminazione mobile.  I ricavi totali dei primi nove mesi sono pari a 4,058 miliardi di euro in leggera flessione (-2,1%) rispetto allo stesso periodo del 2011 principalmente per effetto del taglio delle tariffe di terminazione, al netto del quale la crescita sarebbe stata pari al 2,1%. L’impatto della terminazione mobile sui ricavi da servizi e’ parzialmente compensato da ricavi da operazioni non ricorrenti con altri operatori realizzati nell’ordinaria gestione del business.  Nel periodo l’Ebitda si attesta a 1,549 miliardi di euro in diminuzione del 2,4% su base annua per effetto dei minori ricavi e dell’aumento dei costi di approvvigionamento dell’energia parzialmente compensati da iniziative di controllo dei costi. Il margine Ebitda nei primi nove mesi e’ tuttavia stabile al 38,2%.  Nei primi nove mesi Wind ha investito circa 580 milioni principalmente destinati all’ampliamento della copertura Hspa+ e della relativa capacita’. Nonostante lo scenario sfidante, Wind mantiene una generazione di cassa solida con un valore di Ebitda al netto degli investimenti stabile rispetto all’anno precedente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci