CINEMA: MERCATO DOC A FIRENZE, 22 PROGETTI E 68 BROADCASTER

IN PROGRAMMA GOMORRA E FILM IN PROGETTO ‘WHY POVERTY?’ DI BBC

(ANSA) – FIRENZE, 15 NOV – Saranno presentati 22 progetti cinematografici di genere documentario alla presenza di 68 broadcaster internazionali provenienti da 20 paesi del mondo (dalla BBC alla Rai), nell’ottava edizione dell’Ids (Italian Doc Screening), il mercato più importante in Italia per il genere documentario, da oggi al 17 novembre a Firenze nell’ambito del Festival dei Popoli. Il programma prevede 16 tavole rotonde, 1 masterclass sulla scrittura, produzione, trans media e cross media, 6 workshops tematici e 155 incontri tra registi, produttori e responsabili dei broadcaster. Saranno inoltre presentati due nuovi canali televisivi: Sky Arte e La Feltrinelli Tv. Tra i progetti cinematografici il documentario ‘Firenze, il console e io’ di Gianmarco D’Agostino sulla storia di Gerhald Wolf, console tedesco a Firenze che si adoperò per la salvezza del Ponte Vecchio (1944) dalla barbarie della II guerra mondiale e determinante per il rilascio di perseguitati politici ed ebrei nella drammatica fase dell’occupazione nazista. Anche i documentari sulla storia di ‘Gomorra’ negli ultimi trent’anni in ‘I Re di Gomorra’ di Luigi Pingitore e il mondiale di calcio del 2014 dal titolo ‘Favela Football Club’ di Marcello Bracciaroli. Fra gli eventi speciali la proiezione, in anteprima europea, di Park Avenue del regista premio Oscar Alex Gibney, domani 16 novembre al cinema Odeon (in occasione del Festival dei Popoli). La proiezione rientra nelle iniziative internazionali targate ‘Why Poverty?’, progetto della BBC.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo