Giornalisti: via a processo consigliere ordine Sicilia per falso

(AGI) – Palermo, 15 nov. – E’ iniziato a Palermo, dopo due rinvii, il processo contro il consigliere dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia Leonardo Romeo, imputato di avere falsificato un documento per ottenere l’iscrizione nel registro dei praticanti tenuto dallo stesso Consiglio di cui faceva parte: in questo modo Romeo pote’ affrontare gli esami per diventare giornalista professionista, da lui poi superati. I primi due testi ascoltati dal giudice monocratico della terza sezione del tribunale, Maria Dioguardi, sono stati il maresciallo Mariano Cicero, che ha condotto le indagini, coordinate dal pm Sergio Demontis, e l’ex presidente dell’Ordine regionale, Franco Nicastro.
Il giornalista, attuale componente del Consiglio nazionale, ha ricostruito le fasi della vicenda: dalla scoperta delle “anomalie” nella documentazione presentata da Romeo alla sospensione della sua iscrizione nel registro dei praticanti, fino alla segnalazione del caso alla Procura della Repubblica. Benche’ informata della sospensione del praticantato, la commissione di esami pero’ ammise ugualmente Romeo alle prove di abilitazione. La revisione del fascicolo del consigliere dell’Ordine porto’, ha riferito Nicastro, alla scoperta di una manipolazione dei documenti fiscali che era sfuggita al primo esame. Da altri accertamenti risulto’ che le condizioni di lavoro giornalistico di Romeo non erano compatibili con il riconoscimento di una vera e propria attivita’ professionale. Romeo si e’ sempre protestato innocente. Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, delegato a trattare il suo caso in sede disciplinare, lo ha convocato per il 23 novembre. Il processo e’ stato rinviato al 7 febbraio, per l’audizione di altri tre testi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari