Azerbaigian/ Presidente si scaglia contro Armenia su Twitter

Vicepresidente parlamento Erevan: propaganda nazista

Roma, 20 nov. (TMNews) – Il presidente azero Ilham Aliyev ha scatenato una tempesta su internet lanciando dal suo account Twitter ufficiale una serie di pesanti improperi diretti alla vicina Armenia. La gran parte dei messaggi è riciclata da un lungo discorso pronunciato da Aliyev la scorsa settimana, ma la pioggia di tweet incendiari ha provocato l’indignazione di un importante rappresentante del Parlamento armeno, che l’ha paragonata alla propaganda nazista.”La lobby armena è il nostro principale nemico e noi siamo il loro principale nemico” si legge sull’account ufficiale di Aliyev, @presidentaz. “L’Armenia è un Paese privo di valore. Di fatto è una colonia, un avamposto gestito dall’estero… La prova di questo è l’esodo di massa dall’Armenia verso altri Paesi” recita un altro tweet. Baku, musulmana, ricca di petrolio, è ai ferri corti da tempo con la cristiana Erevan sul controllo del territorio del Nagorno Karabakh. Negli anni Novanta la guerra per il Nagorno Karabakh ha provocato trentamila morti.”L’Azerbaigian diventa più forte potente ogni anno che passa, l’Armenia si indebolisce e declina” scrive ancora Aliyev su Twitter. Un’invettiva che ha provocato la reazione furiosa del vice presidente del parlamento armeno Eduard Sharmazanov, che ha apostrofato Aliyev “leader totalitario di uno Stato totalitario”.”Aliyev mostra con i suoi cinici proclami che ci sono ancora sostenitori del fascismo nel 21esimo secolo e che questa ideologia prospera grazie a leader come lui” ha detto all’Afp Sharmazanov. “Le sue parole ricordano l’Hitler degli anni Trenta-Quaranta”. Aliyev è succeduto a suo padre Heydar alla guida dell’ex repubblica sovietica e promuove il Paese affacciato sul mar Caspio come un importante partner energetico dell’Occidente, nonostante le preoccupazioni per i rispetto dei diritti umani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi