Diffamazione/ Chiti: Siamo seri, ascoltiamo il Consiglio d’Europa

Roma, 20 nov. (TMNews) – “Il Consiglio d’Europa ha chiesto anche all’Italia l’abolizione del carcere per i giornalisti e di sanzionare con pene alternative la diffamazione a mezzo stampa.
Lo ha ribadito qualche giorno fa il Commissario per i diritti umani Nils Muiznieks. Questo è l’obiettivo che ci eravamo prefissi e non può essere sostituito dall’emendamento presentato dal senatore Berselli che prevede la sanzione pecuniaria per il direttore e il carcere per l’autore dell’articolo”. Lo ha affermato in una nota il vicepresidente del Senato Vannino Chiti, secondo il quale “bisogna essere seri: la Camera dei Deputati ha all’ordine del giorno un disegno di legge sulle pene alternative.
E’ il caso che i gruppi parlamentari, o meglio ancora il Governo, introducano in quel provvedimento l’abolizione del carcere per i giornalisti”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari