DIFFAMAZIONE: LUNEDI’ SCIOPERO GIORNALISTI SE TESTO NON CAMBIA

(AGI) – Salerno, 21 nov. – Lunedi’ sara’ sciopero dei giornalisti dell’emittenza radiotelevisiva e della carta stampata se il testo sulla diffamazione a mezzo stampa in discussione al Senato non sara’ stato modificato. Lo annuncia la Fnsi dal congreso nazionale dell’Usigrai in corso a Salerno. Il sindacato dei giornalisti annuncia anche che poiche’ non sara’ possibile rispettare la norma che prevede un preavviso di dieci giorni per l’attuazione dello sciopero del servizio pubblico, vale a dire la Rai, lo stesso sindacato e’ pronto ad assumersi le conseguenze che ne deriveranno, ovvero pagare le eventuali multe.
Lo sciopero – dice Franco Siddi, segretario generale della Fnsi – e’ “contro l’ultimo pasticcio giuridico, illiberale e ingiusto previsto dal testo di legge sulla diffamazione a mezzo stampa che rende irresponsabili i direttori e manda in carcere i giornalisti ed anche chi fa l’errore di stampa”. Sulla decisione di arrivare allo sciopero c’e’ piena intesa – aggiunge Siddi – con l’Ordine nazionale dei giornalisti, subito espressa dal presidente Enzo Iacopino, perche’ questa legge “mina la professione nelle sue fondamenta, e’ contro i diritti dei cittadini. Non sono in gioco i privilegi dei giornalisti ma i diritti dei cittadini”. L’assemblea dei delegati Usigrai ha dato il proprio consenso con un applauso nel corso dei lavori congressuali.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari