Scelte del mese

26 novembre 2012 | 10:15

Si può ricordare una nuvola?

Telecom Italia è stata la prima a intercettare la tecnologia del cloud computing nel nostro Paese. E lanciando la Nuvola Italiana ha creato un brand icona diventando leader del mercato.

In un mercato dell’information technology che arranca sotto il peso della recessione – secondo l’ultimo rapporto Assintel, dal 2008 a oggi le tecnologie informatiche hanno perso ben 3 miliardi di euro – c’è un settore in controtendenza, che sta crescendo: quello del web, del social, del mobile e soprattutto del cloud computing, termine quest’ultimo che indica i servizi informatici (dall’archiviazione di documenti all’uso di software e applicativi) erogati da remoto, via Internet.
Sempre secondo i dati di Assintel, nell’ultimo anno il cloud computing è cresciuto nel nostro Paese del 52,1%; Assinform, un’altra associazione di categoria dell’Ict, parla invece di un +41,6%. Altrettanto rosee le previsioni: l’Unione europea stima che entro il 2018 gli investimenti nel cloud ammonteranno a 250 miliardi di euro. Non stupisce dunque che in questo mercato si stiano lanciando un po’ tutti gli operatori dell’information technology, dalle grandi multinazionali come Google, Amazon, Apple, Ibm e Microsoft agli Internet service provider di casa nostra. La concorrenza è dunque molto serrata.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 433 – Novembre 2012