La radio digitale prova a fare un passo avanti

“Perché la radio digitale diventi una realtà  occorre che tutti gli operatori della filiera – istituzioni, editori e broadcaster, costruttori e distributori di apparecchi – remino nella stessa direzione”, dice Alessandro Zorer, amministratore delegato di Trentino Network, la società  a capitale pubblico che gestisce le reti per le telecomunicazioni della provincia di Trento, dove in base a un accordo tra ministero per lo Sviluppo economico e Agcom è partita la fase pilota della radio in tecnologia Dab+. Mettere d’accordo tutti sul senso di marcia non è però impresa facile, tant’è che in Uk, Germania e Svizzera c’è voluta una decina d’anni prima di spegnere del tutto o quasi l’analogico.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 433 – Novembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale