Editoria, Televisione

26 novembre 2012 | 11:07

RAI: VILLARI “PESSIMA FIGURA DELL’AZIENDA SULLE PRIMARIE”

ROMA (ITALPRESS) – “In occasione delle primarie del centrosinistra, la Rai e’ incorsa in una pessima figura di fronte ai telespettatori, prima con il Tg1 e poi anche a ‘In mezz’ora’ su Raitre. E’ possibile che un’azienda che ha in organico centinaia di giornalisti e direttori titolati ed esperti non riesca a garantire condizioni minime di correttezza per un evento politico che interessa la meta’ dell’elettorato?”. E’ quanto dichiara il senatore di Coesione Nazionale, Riccardo Villari, membro della commissione di Vigilanza Rai.
“La trasmissione ‘In mezz’ora’ su Raitre – spiega Villari – non ha tenuto in conto regole minime di garanzia del silenzio elettorale, permettendo a chi era ospite addirittura di declamare una dichiarazione di voto a urne aperte. Il Tg1, a poche ore dall’apertura dei seggi, avrebbe voluto intervistare in studio uno solo dei cinque concorrenti. Non servono circolari, regolamenti o leggi per garantire a una competizione politica parita’ di trattamento e rispetto dei votanti. Eppure in Rai c’e’ chi ha dato un’immagine di carenza di professionalita’, dopo lo smacco di aver regalato il confronto tv tra i candidati alle primarie del centrosinistra ad una rete privata – aggiunge -. In futuro, visto che uno strumento di democrazia come le primarie sara’ sempre piu’ utilizzato sia a sinistra che a destra, errori di questo genere non si devono ripetere piu’”.