RAI: CODACONS, NON AUMENTARE IL CANONE

(AGI) – Roma, 26 nov. – Il Codacons chiede che per il 2013 non sia aumentato il canone Rai e ritiene “inaccettabile” indicizzarlo “a fronte di un mancata indicizzazione delle pensioni e degli stipendi dei dipendenti pubblici”.
A motivo della richiesta, il Codacons mette anche la chiusura delle serie tv e la trasmissione di repliche “che di solito venivano propinate in agosto”. “Se, infine, consideriamo che tutti i ‘nuovi’ canali digitali di Rai e Mediaset, da Rai premium a La 5 – conclude il Codacons – hanno sempre trasmesso esclusivamente repliche 24 ore su 24, il quadro diventa sconfortante”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi