RAI: DG GUBITOSI PROPONE MARIO ORFEO DIRETTORE TG1

(AGI) – Roma, 27 nov. – E’ Mario Orfeo, attuale direttore del Messaggero, il nome su cui punta il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi come nuovo direttore del TG1. La proposta di nomina e’ contenuta nell’ordine del giorno dei lavori del CdA di Viale Mazzini in programma giovedi’. Orfeo prenderebbe il posto di Alberto Maccari, il cui contratto scade a fine dicembre prossimo. L’attuale direttore del Messaggero era indicato da diverse settimane come uno dei papabili all’incarico di direttore della testata ammiraglia Rai, insieme a Marcello Sorgi, gia’ direttore del Tg1, e a Monica Maggioni, interna alla testata. In passato Orfeo in casa Rai ha gia’ diretto il Tg2. Secondo indiscrezioni la proposta di nominare Orfeo a direttore del Tg1 ha forti probabilita’ di passare l’esame del Cda. In ambienti Rai si sottolinea infatti che ci sarebbero i numeri perche’ questa nomina passi, quanto meno a maggioranza. Si andrebbe cosi’ a chiudere una partita delicatissima che nei giorni scorsi aveva registrato diverse prese di posizione. Tra cui quella dell’Usigrai che in occasione del congresso nazionale di Salerno per il rinnovo delle cariche statutarie aveva sollecitato sia attraverso le parole del segretario uscente, Carlo Verna, e successivamente con quelle del nuovo segretario, Vittorio Di Trapani, una nomina che fosse di “pacificazione” nella testata. Non venivano quindi auspici sul fatto che dovesse trattarsi necessariamente di una nomina interna, quel che premeva era appunto avere a riferimento una figura di pacificazione e che lavori per porre fine alla “stagione delle esclusioni” di professionalita’ nella testata.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi