RAI: REPORT, RIGETTATA RICHIESTA RISARCIMENTO CIANCIO

SENTENZA TRIBUNALE MONOCRATICO ROMA SU INCHIESTA ‘I VICERE”

(ANSA) – CATANIA, 27 NOV – La prima sezione civile del Tribunale di Roma ha ritenuto “infondata” e ha quindi “rigettato” la richiesta di risarcimento alla Rai, di 10 milioni di euro da devolvere in beneficenza, presentata dal direttore e editore del quotidiano La Sicilia di Catania, Mario Ciancio Sanfilippo, per diffamazione nei confronti del servizio ‘I Vicere’ all’interno della trasmissione Report andata in onda 15 marzo del 2009. L’imprenditore dovrà  pagare le spese legali, fissate in 30mila euro. Secondo il giudice monocratico, Damiana Colla, nell’inchiesta “non emergono in alcun modo attacchi personali” a Mario Ciancio Sanfilippo, perché realizzata “con il consueto taglio della trasmissione di inchiesta” e, “in quanto tale, manifestazione del diritto di cronaca e al contempo di critica”. Su quest’ultimo, scrive il giudice citando una sentenza della Cassazione del 2009, “é innegabile che l’onere del rispetto della verità  sia attenuato rispetto all’ipotesi di mera cronaca giornalistica, atteso che ‘la critica esprime un giudizio di valore che, in quanto tale, non puo’ pretendersi rigorosamente obiettivò”. E per questo, si legge nella sentenza, “il diritto di critica giornalistica può essere esercitato anche in modo ‘graffiante’, ma con il parametro della proporzione tra l’importanza del fatto e la necessità  della sua esposizione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi