EDITORIA: SNAG, NO AD ACCORDO SU ABBONAMENTI IN EDICOLA

(ANSA) – ROMA, 27 NOV – “Confermiamo la nostra contrarietà  alle condizioni economiche con cui è stato imposto questo accordo e, sulla base delle reazioni degli edicolanti associati, guardiamo con perplessità  e timore ad una eventuale partenza della fase test”: Armando Abbiati, presidente dello Snag (Sindacato nazionale autonomo giornalai, aderente a Confcommercio), commenta la notizia della firma dell’accordo tra Fieg, Felsa-Cisl e Fenagi-Confesercenti sugli abbonamenti in edicola. “Riteniamo che l’abbonamento in edicola sia un’ottima iniziativa – continua Abbiati in una nota – che potrebbe ridare un po’ di ossigeno a tutta la filiera, ma a queste condizioni è destinato all’insuccesso e al danneggiamento dell’intera rete di vendita. Continueremo a contrapporci ad iniziative e condizioni imposte unilateralmente agli edicolanti strangolati dall’attuale crisi del settore. Vogliamo essere partner degli editori – conclude – per impostare strategie comuni di filiera a supporto delle vendite. Non possiamo continuare a sopportare operazioni basate sul taglio di costi a svantaggio dell’anello più debole della catena (edicole) dovute soprattutto alla mancanza di idee di sviluppo”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari