Prima intesa su domiciliazione abbonamenti in edicola tra Fieg e i sindacati

Roma, 28 nov. (TMNews) – Gli editori Fieg e i rivenditori di due sindacati, Felsa-Cisl e Fenagi-Confesercenti, hanno firmato un accordo che prevede un anno di sperimentazione per domiciliare gli abbonamenti in edicola. Lo rende noto la stessa Fieg.
Durante l’anno di sperimentazione, “le parti verificheranno la convenienza economica, le modalità  e la qualità  di erogazione del servizio”.
Nella attuale situazione di “forte crisi” di diffusione delle copie, che “concorre a creare significativi problemi di sostenibilità  economica anche ai punti vendita, gli editori, si legge nella nota, hanno proposto ai sindacati dei rivenditori la disponibilità  a domiciliare in edicola gli abbonamenti di quotidiani e periodici “prevedendo un compenso specifico di canale. Gli abbonamenti a quotidiani e periodici, ampiamente diffusi in Europa e nel resto del mondo, per il nostro Paese costituiscono un mercato di oltre 230 milioni di copie diffuse con un valore superiore ai 400 milioni di euro”.
L’accordo, secondo il presidente della Fieg, Luigi Anselmi, “ci avvicina di più all’Europa anche nella filiera distributiva dei prodotti editoriali; questa opportunità , se colta con il giusto spirito, potrà  fornire un importante contributo per la sostenibilità  economica dei punti vendita, nodo fondamentale dell’intero sistema distributivo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari