Editoria: il Der Spiegel in crisi, azienda annuncia piano austerita’

(ASCA-AFP) – Berlino, 29 nov – Il Der Spiegel investito dalla crisi dell’editoria: in un’intervista al Suddeutsche Zeitung, Ove Saffe, il direttore esecutivo del popolare settimanale tedesco, ha annunciato oggi un piano di ristrutturazione e di austerita’ per far fronte al calo degli introiti pubblicitari e delle vendite dell’edizione cartacea. Saffe non ha escluso inoltre l’eventualita’ che il piano di risanamento possa prevere anche un sostanziale taglio dei posti di lavoro all’interno del settimanale. ”Solo in questo modo – ha spiegato – riusciremo a garantire la nostra indipendenza economica ed editoriale”. Nel 2012 il fatturato ”diminuira’ del 6% circa”, attestandosi intorno ”ai 307 milioni di euro” e tornando cosi’ ai parametri ”del 2003”. L’edizione cartacea del Der Spiegel, che oggi vende oltre 900 mila copie ogni settimana, ”ha perso circa il 10% degli introiti pubblicitari. Ecco perche’ – ha quindi concluse Saffe – abbiamo bisogno di regolare i costi e adeguare la nostra struttura”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari