Rai/ Usigrai: Su nomine vecchi metodi, bisogna riformare legge

Roma, 29 nov. (TMNews) – “Non è questo il segnale che l’Usigrai chiedeva. Riemergono, a dispetto delle ripetute dichiarazioni di autonomia dalla politica arrivate dalla nuova dirigenza Rai, vecchi e ben noti metodi di scelta dei vertici che non ci hanno mai convinto. Dopo oltre un anno di immobilismo, il Tg1 non può ripartire da una nomina con una risicata maggioranza. Una scelta sulla quale pesano in maniera decisiva i voti dei compomenti del CdA di indicazione governativa. Questo rilancia l’urgenza di riformare la legge Gasparri”. Lo ha sottolineato l’esecutivo del sindacato dei giornalsiti Rai, l’Usigrai.
“Chiediamo: che tipo di contratto verrà  stipulato? Quanto è destinato a pesare sul bilancio dell`azienda che i vertici definiscono preoccupante? Questo rende ancora più inspiegabile – a giudizio dell’Usigrai – la decisione di ricorrere a una professionalità  esterna. All’interno della Rai c’erano giornaliste e giornalisti in grado di rilanciare il ruolo del Tg1. Nulla da dire sul nome di Mario Orfeo. Su di lui si esprimeranno il CdR della testata e poi la redazione con il voto sul piano editoriale”.
“Per parte nostra rilanciamo con forza la richiesta di esplicitare il mandato che dovrà  assicurare la fine di una lunga stagione di notizie non date; quella delle esclusioni e marginalizzazioni; la messa in archivio di doppi e tripli incarichi”, ha concluso il sindacato dei giornalisti Rai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi