Egitto/ Dopo piazza e giudici protestano i media, domani sciopero

Il Cairo, 3 dic. (TMNews) – Dopo la piazza e i giudici, è la volta dei media egiziani di scendere in campo per protestare contro la nuova costituzione egiziana: “No alla dittatura”, è il titolo di Al Watan, mentre Al Masry Al Youm scrive: “Una costituzione che cancella i diritti e calpesta le libertà “. I quotidiani hanno annunciato che domani non andranno in stampa.
Ieri anche i giudici, protagonisti di un braccio di ferro con il presidente Mohamed Morsi, hanno fatto sapere che boicotteranno il referendum del 15 dicembre che dovrebbe ratificare definitivamente la nuova carta costituzionale. E la scorsa settimana l’associazione che riunisce tutti i giudici del Paese aveva proclamato uno sciopero illimitato in tutti i tribunali egiziani in segno di protesta contro il decreto emesso il 22 novembre da Morsi, ritenuto “un attacco senza precedenti all’indipendenza della magistratura e alle sue regole”.
Per domani partiti e gruppi di opposizione hanno indetto una grande manifestazione, definita un “ultimo avvertimento” per Morsi. Fra i firmatari della convocazione figurano il partito della Costituzione, fondato dall’ex capo dell’agenzia nucleare dell’Onu Mohamed ElBaradei, il movimento della Courant popolaree dell’ex candidato alle presidenziali Hamdeen Sabbahi oltre che dai Giovani del 6-Aprile-Fronte democratico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi