INTERNET: OSCURATI SITI PER DOWNLOAD GRATIS

(AGI) – Napoli, 4 dic. – La Guardia di finanza di Agropoli, coordinata dal pm di Vallo della Lucania Renato Martuscelli, ha eseguito un provvedimento di oscuramento dall’Italia dei portali pirata internazionali Torrentreactor.net e Torrents.net per interrompere l’illecita diffusione di opere coperte dal diritto d’autore on line, con fini di lucro. L’ordine di inibizione dell’accesso e’ stato notificato ai fornitori di servizi internet operanti su tutto il territorio nazionale e scaturisce dagli esiti delle indagini condotte che tra il 2011 e il 2012, hanno gia’ portato all’oscuramento di altri 5 siti web, tutti appartenenti al network illegale “Italianshare”, altro supermarket pirata tra i piu’ diffusi in Italia, nonche’ all’arresto del suo amministratore, conosciuto sulla rete con il nickname di “Tex Willer”.
Le nuove investigazioni su internet scattate anche a seguito di una segnalazione pervenuta dalla Federazione dell’Industria Musicale Italiana (F.I.M.I.), per la diffusione di opere piratate da parte del sito “Islafenice.net”, nato dalle ceneri di Italianshare, nonche’ di altri portali pirata operanti in modo analogo, hanno permesso di constatare la sostanziale disattivazione di “Islafenice” a seguito della diffusione della notizia relativa all’arresto del pirata “Tex Willer”; l’effettiva operativita’ illecita di Torrentreactor.net e Torrents.net, che offrivano agli utenti la possibilita’ di usufruire di link dai quali poter effettuare in modo illegale il download di opere coperte da copyright: musica, prodotti cinematografici, libri e riviste, serie TV, cartoni animati, videogiochi, software.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti