TLC: PRETO “EQUIVALENCE OF INPUTS PER REALE CONCORRENZA MERCATO”

ROMA (ITALPRESS) – “Per assicurare un’effettiva concorrenza sul mercato bisogna puntare sull’equivalence of inputs. La scelta tocca a Telecom Italia, in quanto proprietaria della rete. L’Agcom intende fare la sua parte per assicurare il rispetto delle regole”. Cosi’ il commissario Agcom, Antonio Preto, nel corso del convegno organizzato da I-Com, Istituto per la competitivita’. Sul tema della rete di accesso di nuova generazione, “passando dall’attuale equivalence of output ad un modello di equivalence of inputs”, ha osservato Preto, “gli operatori verranno trattati esattamente come Telecom Italia”.
Con questo nuovo modello, “il servizio wholesale offerto alla divisione retail di Telecom Italia non sarebbe piu’ soltanto comparabile al servizio wholesale venduto agli altri operatori, ma diventerebbe lo stesso. Questo passaggio, ovvero un unico servizio wholesale, sarebbe garanzia di un level playing field con un impatto positivo sul processo concorrenziale. Potremmo quindi parlare di un ‘Open Access plus'” ha aggiunto, sottolineando che questo e’ “quanto prefigura il progetto raccomandazione della Commissione europea sugli obblighi e i metodi di costing per promuovere la banda larga su cui il BEREC dovra’ esprimere il suo parere prima dell’adozione da parte del Collegio dei Commissari”.
Con questo modello, ha proseguito, “si valorizzerebbe il ruolo dell’organo di vigilanza sulla parita’ di accesso alla rete di Telecom Italia insediatosi da pochi giorni”.
“Certo – ha sottolineato – in linea di principio piu’ e’ separato il servizio wholesale da quello retail di Telecom Italia, piu’ il modello e’ coerente con l’equivalence of inputs. In buona parte del paese, infatti, la rete di accesso rimarra’ un monopolio naturale”. Per questo “lo scorporo della rete puo’ in astratto rappresentare la soluzione ideale ma tutto dipende dalla forma concreeta che esso andrebbe ad assumere”, ha aggiunto, sottolineando che di “certo uno scorporo fatto bene potrebbe rappresentare una soluzione ideale per raggiungere l’equivalence of inputs. Qualsiasi azione dell’Agcom, ha continuato “dovra’ comunque basarsi su un’analisi coordinata dei vari mercati collegati alla rete d’accesso”. Quanto ad un eventuale allentamento delle regole, il commissario ha tenuto a precisare, che “e’ impossibile” indicarne l’intensita’ prima che si conosca la forma concreta dell’operazione.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci