TV: X FACTOR AL TRAGUARDO, 2 SERE DI FINALE E 24 ORE DI TELEVOTO

TV: X FACTOR AL TRAGUARDO, 2 SERE DI FINALE E 24 ORE DI TELEVOTO
(AGI) – Milano, 5 dic. – Una finale lunga due serate, duetti con star internazionali, una manche a tema dedicata a Lucio Dalla, televoto aperto no stop per 24 ore. Tutto per decidere chi, tra Chiara, Cixi, Davide e Ics, si aggiudichera’ il contratto discografico con Sony di 300mila euro. Ultimi capitoli all’orizzonte per la seconda edizione di X Factor firmata Sky: domani e venerdi’ sera, i quattro rimasti tra gli oltre 60mila che ci avevano provato si giocheranno il tutto per tutto, in una finale in cui i quattro giudici, Elio, Arisa Morgan e Simona Ventura, si mettono a riposo lasciando che sia il pubblico a decretare il vincitore. La gara prendera’ il via giovedi’ con la manche ‘my song’ che vede i protagonisti per la prima volta alle prese con la scelta autonoma del brano da cantare; a seguire, ‘Drum ‘n Bass’ misurera’ i finalisti in un’esibizione su brani di Lucio Dalla; gli inediti, infine, chiuderanno la prima serata, al termine della quale si scopriranno i tre nomi che si contenderanno la vittoria nella serata successiva. Venerdi’ la gara si giochera’ su tre duetti internazionali (con Mika, Skye e Lisa Hannigan), un best of delle rispettive miglior performance e un brano a cappella. In questa ultima puntata di X Factor, che sara’ animata anche dagli ospiti Kylie Minogue e Eros Ramazzotti, si conoscera’ il nome del nuovo trionfatore del talent show. “Ho sempre sognato di fare la cantante – ha ammesso Chiara -, uno ci pensa ma poi nulla e’ detto e da 60mila arrivare tra le prime 12 gia’ ce ne vuole”. “Sono soddisfatta del risultato – ha aggiunto Cixi – e felice che il mondo del web si sia messo in moto per una causa cosi’ strana che e’ Cixi”. Sorridente anche Davide che si dice pronto “a mettercela tutta per arrivare fino in fondo”, mentre Ics, primo rapper del talent show, prende le misure con il genere di riferimento: “ci sono maestri – ha spiegato – ma il mio percorso e’ quello di cercare di essere Ics”. L’avventura volge al termine anche per i quattro giudici, stanchi quanto soddisfatti: “E’ stato un X Factor molto impegnativo – ha ammesso Elio -, piu’ dei precedenti, ma e’ andato tutto bene. Dei tre che ho fatto questo e’ quello che non ha mai fine: ovunque vada c’e’ qualcuno che parla di X Factor”. “E’ un programma molto percepito – ha fatto notare Simona Ventura -, da vera rete generalista. E’ stata un’edizione molto faticosa, ma di grande soddisfazione. I quattro che sono arrivati in finale non sono soltanto bravissimi cantanti, ma sono anche il simbolo della maggioranza silenziosa, ovvero dei ragazzi perbene”. Per Morgan, l’X Factor che si sta chiudendo e’ stato “divertente e soddisfacente sia dal punto di vista professionale che musicale, perche’ ho potuto sviluppare delle idee. E’ partito all’insegna della musica e cosi’ e’ stato. Non ha tradito le aspettative: e’ una delle poche occasioni rimaste di fare un dibattito sulla musica e della cultura in tv”. Di “esperienza molto intensa” ha parlato Arisa, che dice di aver incontrato “talenti che mi hanno dato la possibilita’ di sperimentare un repertorio che mi interessa. Ci sono stati momenti di agitazione molto forte – ha aggiunto -, ma fa parte della passione perche’ questo e’ un gioco, ma neanche tanto”. Il conduttore, Alessandro Cattelan, da canto suo, accende i riflettori sui finalisti: “sono trasportati da passione – ha spiegato -, mentre l’anno scorso erano piu’ musicisti. Sono quattro ragazzi che si meritano di essere qui, soprattutto considerando che era un’edizione in cui c’erano personalita’ talmente forti che lo avrebbero meritato altrettanto”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi