TV: SCROSATI, “CI SARA’ UN X FACTOR 7 CON PIU’ BIGLIETTI”

(AGI) – Milano, 5 dic. – Un X Factor 7 ci sara’. Andrea Scrosati, vice presidente esecutivo a capo dell’intrattenimento di Sky Italia non aspetta neanche la fine dell’edizione in corso (finali in programma domani e venerdi’) per assicurare che il talent show avra’ ancora un futuro in casa Sky. Una certezza, dunque, intorno alla quale i dettagli languiscono; alla domanda, per esempio, se qualche volto della musica italiana abbia chiesto di far parte della giuria, Scrosati, pilatesco, s’appella al quinto emendamento della Costituzione americana. Piu’ disposto a concedere indicazioni di principio: “continueremo ad innovare – ha chiarito -, il pubblico evolve velocemente ed e’ per questo che con certezza posso dire che la prossima edizione avra’ moltissima innovazione”. Altro capitolo aperto, quello della location. Per non mettendo apertamente in discussione il Teatro della Luna, Scrosati si e’ spinto a promettere a Simona Ventura, che piu’ volte aveva sollevato il problema, che “il prossimo anno ci saranno piu’ biglietti”. Gli viene chiesto se non sia il caso di ‘occupare’ il vicino e ben piu’ capiente Mediolanum Forum e la domanda non pare giungere inattesa: “mentirei se dicessi che non ci abbiamo pensato: questa edizione di X Factor avrebbe meritato un pubblico di quel tipo, ma non e’ stato possibile”. Contrarissimo all’eventualita’ di un’opzione di allargamento e’ Morgan: “diventerebbe dispersivo – ha spiegato -, ha un’acustica per la quale non si potrebbe fare quello che facciamo noi. Sarebbe impensabile”. Difficile quindi stabilire se la soluzione possa essere ripercorsa per un X Factor 7, ma a promessa fatta, quei “biglietti in piu'” dovranno necessariamente corrispondere ad un maggior numero di poltrone di quello di cui non possa disporre il Teatro della Luna.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi