Editoria: Verdini, informazioni vecchie spacciate per nuove

(ASCA) – Roma, 10 dic – ”Leggo sulle agenzie che la Procura di Firenze mi avrebbe indagato per una presunta truffa aggravata relativa a contributi pubblici per circa 22 milioni di euro che il ”Giornale della Toscana’ avrebbe indebitamente percepito dal 2002 al 2012. E’ gravissimo che proprio nei giorni in cui sembra aprirsi la campagna elettorale, la Procura fornisca alla stampa informazioni vecchie di almeno un anno spacciandole per nuove”. Lo afferma, in una nota, il coordinatore nazionale del Pdl, Denis Verdini. ”L’inchiesta – aggiunge -, infatti, fin nei minimi dettagli, e’ stata pubblicizzata gia’ un anno fa, in occasione di una serie di sequestri, debitamente illustrati dai pm ai giornalisti. Dunque, niente di nuovo sotto al sole, compreso il tentativo degli inquirenti di reiterare e attualizzare notizie datate e di parte, al solo scopo di creare scandalo. Mi vedo quindi costretto a precisare ancora una volta che non una sola norma e’ stata violata per far nascere e tenere in vita il ‘Giornale della Toscana’. Tutto e’ avvenuto nel pieno rispetto della legge: al contrario, personalmente ho investito milioni di euro per il sostentamento del quotidiano da me fondato. I magistrati hanno interpretato a loro modo norme chiarissime che il sottoscritto e quanti hanno investito nel giornale hanno rispettato fino in fondo, usando alla lettere gli stessi criteri adottati da tutti coloro che hanno pubblicato quotidiani a contributo statale. Dopo aver assistito mio processo mediatico e alla mia demonizzazione senza la minima possibilita’ di difesa, aspetto con serenita’ e anche con impazienza il processo vero, quello che si svolge nelle aule di tribunale, certo che in quella sede il teorema degli inquirenti sara’ travolto e la verita’ verra’ finalmente a galla”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari