Informazione: CPJ, 232 i giornalisti in prigione nel mondo

(ASCA-AFP) – New York, 11 dic – La Turchia detiene il maggior numero di giornalisti imprigionati rispetto al resto della comunita’ internazionale. Ad affermarlo e’ un rapporto del Comitato di protezione dei giornalisti (CPJ), un’organizzazione non governativa con sede negli Stati Uniti. Il numero di giornalisti imprigionati per terrorismo od altri crimini contro lo Stato ha raggiunto, secondo la Ong, il picco di 49 quest’anno, inclusi una dozzina di giornalisti curdi. Il rapporto elenca poi l’Iran, con 45 giornalisti detenuti, seguito dalla Cina con 32. Seguono poi l’Eritrea con 28 e la Siria con 15. Vengono poi il Vietnam con 14, l’Azerbaijan con 9, l’Etiopia con 6, l’Arabia saudita con 4, l’Uzbekistan con 4. Sarebbero in tutto 232 i giornalisti detenuti nel mondo, con un aumento del 53% rispetto all’anno scorso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari