Google/Pg: confermare 3 condanne a 6 mesi per violazione privacy

Milano, 11 dic. (TMNews) – Il sostituto procuratore generale di Milano Laura Bertolè Viale ha chiesto ai giudici della prima corte d’appello di Milano di confermare la condanna a 6 mesi per violazione della privacy a carico di 3 dirigenti di Google in relazione all’immissione nella rete di un video con disabile deriso e picchiato dai suoi compagni in una scuola di Torino.
Il pg a livello di motivazione ha rincarato la dose a livello di motivazione rispetto alla sentenza di primo grado quando il giudice Oscar Magi aveva condannato “per carenza e inefficace informazione sul trattamento dei dati”. Per il pg invece i dirigenti di Google “erano in grado di impedire l’immissione del video, avevano i sistemi di controllo adatti da anni ma non lo fecero”. Secondo la rappresentante dell’accusa i tre agirono a fini di lucro. Quel video, purtroppo, risultò uno dei più cliccati della rete e questo portò a Google un grande guadagno. “Il video fu rimosso solo dopo l’intervento della polizia postale” ha aggiunto il pg nel chiedere la conferma della condnana per Carl Drumm,ond, George De La Reyes e Peter Fletcher. Un quarto imputato solo di diffamazione era stato assolto in primo grado. In appello non ci sono più parti civili perchè dopo il ragazzo disabile Google ha risarcito anche l’associazione Vividown con somme di cui non si conosce l’entità .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti