Google/ Avvocato Giulia Bongiorno chiede l’assoluzione

Milano, 11 dic. (TMNews) – I controlli preventivi su internet sono impossibili. E’ la tesi dell’avvocato Giulia Bongiorno che ha chiesto l’assoluzione al processo d’appello dove tre dirigenti di Google sono imputati di violazione della privacy in relazione all’immissione in rete di un video con un disabile deriso e picchiato da un suo compagno di scuola. L’avvocato Bongiorno poi in riferimento alla motivazione della sentenza di primo grado che aveva decretato 3 condanne a 6 mesi ha spiegato: “L’obbligo di informazione sul trattamento di dati riservati non esiste nel nostro ordinamento”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari