Cultura: tecnologia d’avanguardia per salvare patrimonio radio e Tv

(ASCA) – Firenze, 12 dic – Tecnologia d’avanguardia per salvare dalla perdita definitiva (per l’usura del tempo ma, soprattutto, per l’obsolescenza delle tecnologie e dei formati) il ”sapere’ conservato negli archivi delle maggiori emittenti radiofoniche e televisive di tutta Europa. E’ stata ideata e realizzata dai 15 partner del progetto PrestoPRIME tra i quali figurano le Teche Rai, il Centro Ricerche Rai di Torino (per il coordinamento tecnico), l’Institut National de l’Audiovisuel francese, la Bbc, la Orf, universita’ e importanti istituzioni nazionali. Il progetto, finanziato dall’Unione Europea e terminato proprio in questi giorni, e’ stato illustrato da Laurent Boch, project manager del Centro Ricerche Rai di Torino, che e’ intervenuto alla seconda giornata della Conferenza internazionale dedicata proprio alla conservazione delle memorie digitali, intitolata ”Trusted Digital Repositories & Trusted Professionals’ (”Affidabilita’ degli archivi digitali’) che si svolta a Firenze. La manifestazione e’ promossa dalla Fondazione Rinascimento Digitale (FRD) dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, assieme al Ministero per i Beni e le Attivita’ Culturali e alla Library of Congress, la Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. ”Dopo quasi quattro anni di lavoro – ha detto Boch – i risultati sono stati presentati al Museo della Tecnica di Vienna lo scorso novembre e hanno ottenuto l’approvazione dei delegati della Commissione Europea. Il piu’ importante e’ stato la realizzazione di un insieme di modelli e tecnologie, condivise da tutti i partner, che permettono di conservare e preservare nel lungo periodo, ma anche di poter utilizzare, la memoria audiovisiva digitale gia’ disponibile nelle teche degli enti radiotelevisivi europei e quella – su supporto analogico o su pellicola – che le teche stesse stanno recuperando e restaurando nei propri archivi”. Grazie a PrestoPRIME sono stati realizzati strumenti tecnologici che semplificano l’archiviazione, rendendo il materiale tv e radio ”resistente’ al tempo e ai cambiamenti tecnologici.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari