TLC:COMMISSARIO UE KROES;ITALIA APPROVI DECRETO CRESCITA 2.0

LETTERA-APPELLO A EURODEPUTATI ITALIANI:SERVE L’AGENDA DIGITALE

(ANSA) – BRUXELLES, 12 DIC – L’Italia deve approvare il “decreto crescita 2.0 che contiene norme essenziali ed indifferibili per l’attuazione dell’Agenda Digitale Italiana”. E’ quanto ha chiesto la vice-presidente della Commissione europea responsabile per l’Agenda digitale, Neelie Kroes, in una lettera indirizzata agli eurodeputati italiani. La settantunenne olandese ha utilizzato il suo account Twitter per inviare messaggi di sensibilizzazione anche ai cittadini italiani utilizzando l’hashtag #AgendaDigitale. “L’agenda digitale italiana è al di sopra della politica – ha indicato la Kroes agli eurodeputati – non si tratta di una questione di parte, è un passaggio vitale per assicurare l’adozione di un approccio integrato nel campo delle politiche di crescita in Italia, così vitale per il futuro di tutti gli europei”. “Non si può – ha sottolineato la commissaria – dilazionare ulteriormente l’approvazione di una legislazione necessaria a colmare il grave ritardo dell’Italia rispetto ai Paesi più virtuosi d’Europa”. “Mi sorprende constatare – ha spiegato la Kroes – che circa il 40% degli italiani non ha mai usato Internet. In un momento in cui l’economia digitale in Europa sta crescendo sette volte più velocemente del resto dell’economia tradizionale, non possiamo permetterci questo divario”. “Chiedete l’agenda digitale in Italia!”. Ha scritto, inoltre, su Twitter la commissaria Ue rivolgendosi ai giovani cittadini italiani invitandoli a “chiedere al Parlamento di votare l’agenda digitale” perché “non si può più aspettare”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci