Tlc: Censis; 66,2% le case connesse con Adsl, 44% con wifi

ROMA (MF-DJ)–Cittadini piu’ tecnologici che sempre meno vanno alle poste per pagare le bollette. Il 66,2% delle abitazioni in città  è in rete grazie all’Adsl, mentre nel 44,4% c’e’ il Wifi domestico. E’ quanto emerge dal Rapporto “Municipium 2012” realizzato dal Censis e dall’associazione Rur (Rete Urbana delle Rappresentanze) per valorizzare le citta’ italiane.
Nel Nord, continua il Censis, l’8,7% delle case e’ connesso alla rete in fibra ottica, mentre al Sud questa percentuale scende all’1,4%. Il 24,8% degli italiani urbani controlla online il conto bancario, il 37,9% lo fa presso lo sportello bancario e il 9,8% per mezzo del bancomat.
Il Rapporto fornisce, in particolare, una fotografia dei comportamenti dei cittadini che vivono nei comuni con piu’ di 10.000 abitanti e mostra come grazie alle tecnologie stanno cambiando radicalmente gli stili di vita urbani. E sono sempre meno gli italiani che si recano alle poste per operazioni elementari che si possono sbrigare anche a distanza, come il pagamento delle bollette per le utenze domestiche (gas, luce, acqua). Ormai il 48% degli italiani che vivono in citta’ ha effettuato la domiciliazione bancaria. Forti differenze si riscontrano in base al titolo di studio: solo il 28% dei laureati si reca all’ufficio postale contro ben il 78% di chi ha la sola licenza elementare. I cittadini sono costretti ad andare alle Poste per ritirare le raccomandate. Tra i cittadini che nell’ultimo anno hanno ricevuto una raccomandata o un pacco, il 62% si e’ dovuto recare all’ufficio postale di zona per il ritiro almeno una volta su quattro, il 26% la meta’ delle volte, il 12% sempre.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci