E-BOOK: ANTITRUST UE ACCETTA IMPEGNI APPLE ED EDITORI

E CHIUDE INDAGINE SU IPOTESI CARTELLO PREZZI

(ANSA) – BRUXELLES, 13 DIC – L’Antitrust Ue ha riconosciuto oggi come legalmente vincolanti gli impegni proposti dalla Apple e quattro editori (Simon & Schuster, Harper Collins, Hachette Livre e Verlagsgruppe Georg von Holzbrinck) per chiudere le indagini avviate sul cartello dei prezzi per la vendita degli e-book. Le cinque società  hanno proposto di porre termine alla tipologia di ‘contratto da agenzia’ anziché di vendita all’ingrosso e all’utilizzo della clausola del ‘paese favorito’ per cinque anni. Queste pratiche di fatto, secondo la Commissione europea, hanno alzato i prezzi della vendita al dettaglio degli e-book e impedito prezzi inferiori. Gli editori, inoltre, hanno offerto di dare ai rivenditori, a determinate condizioni, libertà  di sconto sugli e-book per due anni. “Gli impegni proposti da Apple e dai quattro editori – ha detto il Commissario alla concorrenza Joaquin Almunia -ripristineranno le normali condizioni di concorrenza in questo mercato nuovo e in rapida evoluzione, a vantaggio degli acquirenti e dei lettori di e-book”. “Mentre gli editori indipendenti e i rivenditori di e-book – ha spiegato Almunia -sono liberi di scegliere il tipo di rapporto di lavoro che preferiscono, qualsiasi forma di collusione che limita o elimina la concorrenza è semplicemente inaccettabile”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari