INTERNET:A DUBAI TRATTATO ONU SU NUOVE REGOLE,NO DA USA E GB

ANCHE ITALIA E QUASI TUTTA UE NON HANNO ANCORA FIRMATO

(ANSA) – ROMA, 14 DIC – Dopo due settimane di intensi negoziati a Dubai è stato raggiunto un accordo sul trattato che rinnova il regolamento internazionale Onu su Internet e le telecomunicazioni, anche se con l’opposizione di Usa e Gran Bretagna. Il nuovo trattato approvato dalla Conferenza mondiale organizzata dall’International Telecommunication Union (Itu), pone le basi per un mondo “iper-connesso”. Alla firma finale (di 89 su 193 Paesi) è mancata quasi tutta l’Unione europea, Italia compresa, che però potrebbe sottoscriverlo in seguito. “Dopo due settimane di intensi negoziati – si legge nel comunicato finale del summit – delegati da tutto il mondo hanno trovato un accordo su un nuovo trattato globale che contribuirà  a spianare la strada a un mondo iper-connesso”. Hamadoun Touré, segretario generale Itu, ha definito la firma del nuovo trattato “un’opportunità  storica per portare connettività  ai due terzi della popolazione mondiale che ancora è offline”. Oggetto dei lavori le International Telecommunication Regulations (ITRs) che risalgono al 1988 e che per la prima volta sono state oggetto di rinegoziazione. Il nuovo testo comprende misure per dare ai Paesi il diritto di accesso ai servizi di telecomunicazione internazionali e anche la possibilità  di bloccare lo spam. Misura – quest’ultima – che, secondo il parere delle delegazioni che non hanno siglato il documento, può essere un modo per agevolare i governi che vogliono censurare o controllare la rete. I Paesi che non firmeranno il trattato continueranno ad essere vincolati alle regole del 1988. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci