INTERNET: ONU VARA NUOVE REGOLE PER MONDO ‘IPERCONNESSO’

MA USA E GB DICONO NO. FORTI CRITICHE DA GOOGLE E MOZILLA

(Di Stefania Passarella) (ANSA) – ROMA, 14 DIC – Dopo due settimane di commissioni a porte chiuse, sessioni plenarie in diretta web per duemila delegati, oltre mille proposte arrivate da tutto il mondo e persino un attacco hacker da parte di Anonymous al sito del congresso, a Dubai è stato raggiunto un accordo sul trattato che rinnova il regolamento internazionale Onu su Internet e le telecomunicazioni. Un grande “successo” per i vertici del summit, ma intaccato dal ‘no’ sonoro di Paesi come Usa e Gran Bretagna ‘preoccupati’ per una possibile deriva di censura ai danni di internet. Approvato dalla Conferenza mondiale organizzata nell’emirato arabo dall’International Telecommunication Union (Itu), il nuovo trattato pone le basi per un mondo “iper-connesso” ed entrerà  in vigore, se ratificato, a gennaio 2015. Hamadoun Touré, segretario generale Itu, lo ha definito “un’opportunità  storica per portare connettività  ai due terzi della popolazione mondiale che ancora è offline”. Oggetto dei lavori le International Telecommunication Regulations (ITRs) – regole che governano il sistema globale dell’ICT – che risalgono al 1988 e che per la prima volta sono state oggetto di rinegoziazione. Alla firma finale (da parte di 89 su 193 Paesi) sono però mancati non solo gli Usa, che ha detto espressamente ‘no’, ma anche quasi tutta l’Unione europea, Italia compresa. Paesi che comunque possono ancora sottoscrivere il documento dopo negoziati interni. Il nuovo testo comprende misure sul diritto di accesso ai servizi di tlc tra i Paesi, per istituire un numero unico globale per le emergenze e per migliorare l’efficienza energetica delle reti ICT. A fronte dei timori su eventuali censure o controlli dei governi alla rete sollevati prima e durante la mega-conferenza di Dubai anche da colossi del web come Google e Mozilla e gruppi tecnici come l’Internet Society (che hanno partecipato senza diritto di voto), Touré ha più volte ribadito che nel trattato non si menziona internet. E in effetti nel documento disponibile online non una volta vengono menzionate le parole “internet”, “banda larga”, “web”, ma proprio uno dei nodi più dibattuti, ovvero la possibilità  di bloccare le “comunicazioni elettroniche di massa indesiderate”, come lo spam, è stato indicato da alcune delle delegazioni che non hanno siglato il documento come un modo per agevolare i governi che vogliono controllare rete e contenuti. Quella che si è ‘giocata in questi 15 giorni a Dubai e’ una “partita estremamente complessa che investe l’intera sfera geopolitica”, spiega all’ANSA Domenico Laforenza, direttore dell’Istituto di informatica e di telematica del Cnr. “Dietro le battaglie per una virgola in più o in meno nel nuovo documento – spiega – ci sono interessi di miliardi”. Due secondo l’esperto i fronti principali: quello ‘politico’ dove si sono scontrati “gli interessi di coloro che vogliono che internet resti ‘libera’ e le motivazioni di chi invece sostiene la necessità  di regolamentare la rete” da parte dei governi; e quello economico col braccio di ferro fra chi gestisce le reti di tlc globali e le compagnie, le cosiddette ‘over the top’ come Facebook o Google, “accusate dalle telco di viaggiare sulle reti e di guadagnare, ma di non partecipare congruamente ai costi”. “Siamo venuti a Dubai – ha detto a Dubai il presidente della conferenza, Mohamed Nasser Al Ghanim (Uae) – con una vasta divergenza di vedute su sistemi e mercati. Ma tutti comprendono quanto le ICT siano critiche per lo sviluppo sociale ed economico. E anche se non abbiamo avuto il consenso generale, abbiamo comunque raggiunto un importante punto di svolta. Sono fiducioso – ha concluso – che queste nuove regole apriranno la strada a un mondo migliore per tutti”.(ANSA)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti