Siria/ Giornalista sequestrata, rapitori: Kiev non fa nulla

Kiev, 18 dic. (TMNews) – I rapitori siriani della giornalista ucraina Ankhar Kotchneva, rapita a ottobre in Siria, hanno annunciato di aver rinviato a domenica la sua esecuzione, denunciando che le autorità  di Kiev non fanno nulla per la sua liberazione. Lo hanno riportato gli organi di informazione del Paese. “Quando ci sono state trattative con il governo ucraino e la sua ambasciata (in Siria), loro (gli ucraini) non sono stati seri, non hanno rispettato le promesse e non hanno fatto nulla per liberare Ankhar”, ha affermato il capo dei rapitori, Abu Jandal, in una conversazione su Skype, la cui registrazione tradotta in ucraino è stata pubblicata ieri sera dall’emittente televisiva ucraina ‘1+1’ sul suo sito. “Nessuno ha risposto quando abbiamo chiesto che che cosa ci potevano offrire per la sua liberazione. Sembra che non importasse a nessuno”, ha proseguito. I rapitori siriani hanno indicato di aver rinviato a domenica l’esecuzione della giornalista, ha aggiunto la televisione. I rapitori, che sostengono di appartenere all’Esercito siriano libero (Asl), hanno preteso che l’Ucraina offra loro un negoziatore che non dica falsità , secondo il blog della giornalista. “Aspettiamo che ci contatti il 18 dicembre alle 15” ora locale, ha affermato Abu Jandal. Nessun portavoce del Ministero degli affari esteri ucraino ha voluto commentare la notizia. Il presidente Viktor Yanukovich aveva ordinato a metà  ottobre ai diplomatici ucraini ad adoperarsi per il rilascio della giornalista. Ankhar Kochneva lavorava in Siria come assistante e interprete, principalmente per i media russi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari