RAI: GUBITOSI, NON SIAMO PRIGIONIERI DEGLI ASCOLTI

(AGI) – Roma, 18 dic. – La natura commerciale della Rai “e’ secondaria”, per la Rai “lo share e’ un obiettivo ma mai un fine ultimo”. Lo ha detto il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, chiudendo la conferenza stampa di presentazione di “Gesù di Nazareth”, in programma giovedi’ in prima serata su Rai3 per il ciclo ‘La Grande Storia’. Gubitosi ha sottolineato che sebbene ieri sera si sia avuto un eccezionale risultato di ascolti con il programma di Benigni, “non dobbiamo diventare prigionieri dello share e dobbiamo invece raccontare tutte le storie che vanno raccontate. Faremo altre cose come ‘Scampia’ (trasmissione andata in onda qualche settimana fa su Rai3, ndr) che ha fatto ascolti bassi. Non staremo a guardare a questo, anche se nel complessivo equilibrio c’e’ da tener conto dell’aspetto commerciale”. A margine della conferenza stampa Gubitosi aveva parlato del programma di Benigni rilevando come abbia portato su Rai1 il pubblico che aveva lasciato la televisione ed ha definito interessante il fatto che la curva degli ascolti ieri sera sia salita in particolare durante l’esposizione degli articoli della Costituzione italiana, “perche’ il Benigni comico e’ conosciuto ed era prevedibile che gli ascolti per quella parte specifica legata alla comicita’ lui li avrebbe fatti, mentre e’ decisamente interessante i grandi ascolti fatti nel corso della trasmissione”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi