Stefano Del Frate, direttore generale di ASSOCOM

Nel dicembre 2012, Stefano Del Frate è stato nominato direttore generale di ASSOCOM, chiamato a sostituire il dimissionario Fidelio Perchinelli, con il quale Del Frate ha passato gli ultimi tre mesi in affiancamento, per meglio prepararsi a raccogliere la sfida organizzativa della rinnovata associazione. Perchinelli rimane amministratore delegato di AssAP Servizi. Inoltre continua la sua partecipazione ai consigli di amministrazione di Auditel, Audiweb, Audipress, Audioutdoor e Audimovie di cui è anche presidente. Inoltre Perchinelli rappresenta AssoComunicazione nel Consiglio Direttivo dello IAP e nel CdA di Pubblicità  e Progresso. Del Frate è entrato nei comitati tecnici delle stesse organizzazioni. Le prime novità  sono il nome e il logo rinnovato dell’associazione. Da oggi AssoComunicazione si rinomina in una più snella denominazione di ASSOCOM, associazione aziende di comunicazione, per evidenziare la missione di rappresentare tutte le realtà  che agiscono sul mercato per progettare e produrre azioni di comunicazione che toccano tutti i canali e i nuovi punti di contatto con il nuovo consumatore. Viene anche introdotto un nuovo logo, più adatto e flessibile per essere presente su tutti i nuovi canali di comunicazione. Una grande A che ingloba la C di comunicazione. Altra novità  rilevante è la decisione di cambiare la sede dell’associazione, con un’uscita dalla zona centrale di Milano verso una delle nuove zone emergenti che hanno già  visto lo spostamento di gran parte delle agenzie associate. Il trasferimento è previsto nel primo semestre del 2013. In ultimo è stato presentato il piano di attività  per il prossimo anno che va a sostanziare le parole d’ordine programmatiche lanciate da Massimo Costa prima degli incontri del road show: formazione, informazione e consulenza. Il piano di formazione prevede la formazione di base dei nuovi assunti e un ampio capitolo dedicato alla digitalizzazione del mercato, vista come importante opportunità  per il mondo della comunicazione per ritornare a interpretare quel ruolo consulenziale per le aziende che, negli ultimi tempi, si era un po’ perso sotto i colpi della crisi. Le attività  di informazione saranno invece tese a ottenere una leadership culturale sui temi della comunicazione. Per questo si auspica una stretta collaborazione con l’ambiente accademico in ambito universitario, alla ricerca di nuovi modelli di comunicazione e strutturali per le aziende partecipanti. E’ previsto un audit di base tendente ad accertare come il mercato si autoregola rispetto ai prezzi praticati per ogni forma di attività  di comunicazione. E’ prevista l’apertura di nuovi canali di comunicazione sui principali Social networks ( Twitter, LinkedIn, SlideShare, Flickr, YouTube, WordPress) che consentano una partecipazione attiva degli associati e dei loro professionisti. Il Presidente, confermando il proprio impegno, ha quindi tenuto a rimarcare l’urgenza nella realizzazione delle novità  previste, per affiancare le imprese associate ad affrontare con esiti positivi la sfida del mercato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Camillo Rossotto, direttore generale corporate di Autogrill

Federico Saccani, direttore creativo di Hi!

Tommaso Carboni, country manager per l’Italia di MotorK