Pearson: DoJ, raggiunto accordo su indagine prezzi e-book

WASHINGTON (MF-DJ)–Il Dipartimento di Giustizia statunitense ha raggiunto un accordo con la controllata statunitense di Pearson, Penguin Group, in merito ad un’indagine, che vede Penguin accusata di cospirazione con altri editori per aumentare i prezzi degli e-book. Penguin e’ il quarto editore a trattare col governo statunitense nell’indagine antitrust relativa agli e-book, a seguito di accordi raggiunti all’inizio di quest’anno con Hachette Book Group di Lagardere, Simon & Schuster di Cbs e HarperCollins Publishers di News Corp.   Ad ottobre Pearson ha espresso la sua intenzione di combinare Penguin con Random House di Bertelsmann, formando una joint venture. Penguin ha, inoltre, reso noto di non aver fatto nulla di sbagliato e di non deve rispondere a nessuna inchiesta. Tuttavia, era “nell’interesse di tutti che la joint venture Penguin Random House prendesse forma con una documentazione cartacea”. Secondo i termini stabiliti con l’organo giudiziario statunitense, che dovranno essere approvati dalla Corte, Penguin dovra’ concludere il suo accordo con Apple e altri retailer di e-book relativamente alla politica sui prezzi e non potra’ stabilire nuovi accordi per due anni, ha riferito il Justice Department.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari