EDITORIA: ADS CERTIFICHERA’ COPIE DIGITALI DAL 2013

(ANSA) – ROMA, 20 DIC – Il consiglio di amministrazione di Accertamenti Diffusione Stampa ha approvato il regolamento per certificare le edizioni digitali dal gennaio 2013. “L’edizione digitale – si legge nella nota – è una replica esatta e non riformattata dell’edizione cartacea in tutte le sue pagine, pubblicità  inclusa, fruibile su diversi dispositivi digitali e distribuita elettronicamente come unità  inscindibile ed esclusiva (c.d. “copie replica”). L’edizione digitale può beneficiare delle funzionalità  tecnologiche proprie del mezzo quali ad esempio lo sfoglio, l’indicizzazione dei contenuti, l’ingrandimento dei testi e delle immagini, i link rivolti all’esterno e può fruire di contenuti multimediali correlati a quelli dell’edizione cartacea quali ad esempio gallerie fotografiche, filmati, podcast”. “Le informazioni sui dati relativi alle edizioni digitali saranno integrate con quelle delle edizioni cartacee e comunicate con le medesime tempistiche – prosegue la nota -. L’edizione digitale è costituita dall’edizione ‘replica’, dalle funzionalità  e dai contenuti aggiuntivi ed è accertata nel suo complesso come unità  inscindibile. Nessun contenuto redazionale o pubblicitario presente nell’edizione cartacea può essere omesso o variato nell’edizione digitale mentre è consentita l’introduzione di posizioni pubblicitarie specifiche del mezzo. Solamente qualora un inserzionista pubblicitario richiedesse all’editore l’eliminazione o la sostituzione dall’edizione digitale di una o più inserzioni presenti nell’edizione cartacea, ne sarà  consentita l’equivalente sostituzione nella versione digitale con inserzioni di identico formato e posizionamento. Ogni altra sostituzione delle pagine e dei contenuti è espressamente esclusa”. I dati di vendita relativi alle edizioni digitali verranno suddivisi in: vendite copie digitali, vendite multiple copie digitali, vendite abbinate copie digitali. Saranno poi certificati: totale vendite (cartacea + digitale che comprende: totale pagata cartacea, vendite copie digitali e vendite multiple copie digitali), totale diffusione (diffusione cartacea + diffusione digitale). Le copie digitali saranno certificabili se il prezzo corrisposto dall’acquirente non sarà  inferiore al 30% del prezzo di vendita dell’edizione cartacea. Per l’abbinamento copia cartacea e copia digitale dello stesso prodotto, il prezzo minimo totale corrisposto non potrà  essere inferiore al 50% del prezzo di vendita dell’edizione cartacea. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari