Pace in Belgio tra Google e gli editori

La guerra dei sei anni tra Google e gli editori belgi si è conclusa con il trattato di pace di Bruxelles. Si potrebbe riassumere così, parafrasando i libri di storia, una vicenda emblematica dei difficili rapporti tra l’industria editoriale e i potentati del mondo digitale. E la cui soluzione può diventare un modello a cui ispirarsi anche negli altri Paesi (Italia compresa) dove gli editori e Google sono ai ferri corti.
La vicenda era iniziata nel 2006, in seguito alla denuncia contro Google per violazione del copyright, presentata dagli editori belgi di lingua francese, rappresentati da Copiepresse (l’equivalente della nostra Promopress), e dalle associazioni degli autori. La causa è andata avanti, fino ad arrivare alla Corte suprema.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 434 – Dicembre 2012

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia