Comunicazione

07 gennaio 2013 | 11:29

Tv/Giulietti: Asta frequenze non si fa nonostante annunci Governo

Roma, 7 gen. (TMNews) – “Come volevasi dimostrare l’asta per l’assegnazione delle frequenze digitali non si farà  e comunque non si farà¡ certamente prima delle prossime elezioni e questo nonostante i ‘ripetuti e solenni’ annunci del Governo che, non solo si era impegnato a garantirne lo svolgimento entro il mese di dicembre, ma aveva anche liquidato con sufficenza e fastidio interpellanze ed interrogazioni parlamentari”. E’ quanto ha osservato in una nota Beppe Giulietti, deputato del gruppo misto e portavoce di Articolo21, secondo il quale “l’allarme, lanciato oggi anche da Aldo Fontanarosa, con un articolo ben documentato, pubblicato su Repubblica, è assolutamente fondato”.”Rilievi delle Autorità  internazionali, ricorsi presentati o annunciati, errori contenuti nel bando di gara, ritardi accumulati dall’Agcom…. sia come sia l’asta, almeno per ora, è saltata e chi ha lavorato per la conservazione dell’esistente e la tutela del conflitto di interessi può legittimamente festeggiare. Poco interessano adesso le giustificazioni postume che saranno fornite dai diversi soggetti coinvolti, piuttosto spetta ora ai candidati alla presidenza del Consiglio far sapere se e come riproporranno l’asta, risolveranno il conflitto di interessi e procederanno a liberare la Rai e le Autorità  da ogni interferenza indebita”.”Almeno su questo punto – ha concluso Giulietti – sarebbe auspicabile la più ampia convergenza tra Bersani, Monti, Ingroia, Grillo, Fini, Casini, Di Pietro e via discorrendo, senza eccezione alcuna”.