Editoria/ Cina, mega agenzia di stampa Xinhua sbarca in Borsa

Roma, 7 gen. (TMNews) – La mega agenzia di stampa statale della Cina, Xinhua, si appresta a sbarcare in Borsa tramite la sua divisione di notizie via internet, il portale Xinhuanet.com. Sarà  così la seconda testata cinese a controllo pubblico a procedere su questa strada, che il regime cinese ha deciso di imboccare soprattutto per rispondere alle sfide poste dai nuovi media. L’autorità  di vigilanza sulla finanza cinese, la China securities Regulatory Commission, ha riferito che Xinhua ha chiesto l’autorizzazione per procedere con l’offerta pubblica di vendita, Opv o “Ipo” in inglese. Il collocamento riguarderà  la Borsa di Shanghai. Al momento ci sono una decina di testate statali cinesi che studiano lo sbarco in Borsa, tra cui la tv pubblica centrale, nell’ambito di una generale strategia sollecitata dalle stesse autorità , che puntano a rendere più competitivi i media statali per contrastare la crescente presa sull’opinione pubblica da parte di microblog, social network e nuove testate online a controllo privato. Già  lo scorso anno questa strategia ha portato alla quotazione in Borsa del “Giornale del Popolo”, uno dei quotidiani di riferimento del partito comunista cinese. Questo primo sbarco in Borsa si svolse nell’aprile del 2012 e fruttò circa 225 milioni di dollari di raccolta. E’ stato sicuramente un affare per i sottoscrittori: al primo giorno di quotazioni le azioni del quotidiano balzarono del 70 per cento e rispetto al valore dell’Ipo oggi risultano più che raddoppiate, a 38,16 yuan oggi in chiusura. (fonte Afp)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Liberare le frequenze sopra i 700 Mhz entro il 2020 dai segnali tv. Le mosse dell’Unione Europea per apire il mercato al 5G