Editoria

07 gennaio 2013 | 13:13

GB:225 ANNI FA DIVENTO’THE TIMES’,CAMBIO’GIORNALI PER SEMPRE

NOME TESTATA TRA PIU’ GRANDI INTUIZIONI IN STORIA COMUNICAZIONE

(ANSA) – LONDRA, 1 GEN – ‘L’autorevole quotidiano londinesé. E’ così che spesso è citato il Times. E citazione non fu mai così vera, se si pensa a quella decisione, che oggi compie 225 anni, e che cambiò per sempre la stampa e i giornali, almeno quelli in lingua inglese. Il primo gennaio 1788 fu stampato per la prima volta ‘The Times’. Il giornale esisteva già dal 1785, ma si chiamava Daily Universal Register: quel giorno rinasceva con un’unica differenza, il nome della testata. Da pronunciare più velocemente e da ricordare con meno sforzo. Si tratta di una delle più brillanti intuizioni di comunicazione di tutti i tempi, ad oggi pressoché impareggiabile nel pur sofisticato e tecnologico mondo dei media. Da allora, per oltre due secoli ormai, il termine ‘Times’ è nell’immaginario collettivo sinonimo di un quotidiano in lingua inglese, adottato da numerosissime testate in qualsivoglia latitudine. Viene subito in mente il New York Times. Ma ne sono esempi il Los Angeles Times o Times of India, Moscow Times, fino alle pubblicazioni in inglese in Malawi. Fu lo stesso fondatore, John Walter, che volle quel fondamentale cambiamento. Nei suoi tre anni di vita il foglio (quattro pagine) si era già  imposto. Ma chiedere al ragazzo dei giornali il ‘Daily Universal Register’, era già  considerato un ‘messaggio’ troppo poco immediato. Troppo lungo e che dava adito a confusione. Così Walter, nonostante non poche resistenze al giornale, fu irremovibile. Nasceva così ‘The Times’.